Sistemi Letto

La prima premessa per un sonno sano e ristoratore è un buon letto. Il benessere psicologico e mentale e quello fisico dell’essere umano dipendono in gran parte dal letto in cui si dorme. Vi trascorriamo un terzo della nostra vita per riposarci, guarire da eventuali malattie, per starcene semplicemente un po’ in pace, per riflettere e per amare. Il letto e la stanza da letto si trasformano in un luogo di ritiro molto intimo, un’oasi, un rifugio cui possono accedere solo pochi eletti. Le qualità di un letto variano in base a tre fattori: anatomia – igiene/clima – materiali.  
ANATOMIA

La sottostruttura di un letto deve essere rigida per poter, alla lunga, impedire al corpo di poggiare irregolarmente su fastidiosi affossamenti. Il rilassamento dei dischi intervertebrali durante il sonno viene assicurato indipendentemente dal peso corporeo.

Il molleggio costituito da lamelle di legno naturale deve rispondere alle caratteristiche della colonna vertebrale dell’essere umano. Deve offrire al corpo una supporto ottimale in ogni posizione. La Vertebra cervicale e quella lombare devono potersi rillasare efficacemente con l’abbassamento delle e dei fianchi.

Si devono evitare affossamenti nel corpo del materasso che pregiudicherebbero la circolazione sangugnia e disturberebberto il sistema nervoso. I materassi devono essere adatti alla persona che vi si distende e poter compensare le differenze di peso.

CLIMA E IGENE Le componenti di un letto devono essere caratterizzate da un ridotto fattore di resistenza alla dispersione di vapore in modo tale da far passare l’umidità prodotta dal sudore durante il sonno (fra i 3 e i 7 dl) attraverso i diversi strati del letto. Il coprimaterasso in lana di pecora naturale è un eccellente regolatore di umidità e calore e ricrea un ambiente confortevole; la lana non deve assolutamente essere all’interno del materasso perché – non potendo essere arieggiata – non traspira, perde la sua proprietà antibatterica e di conseguenza anche l’effetto salutare.  
  MATERIALE

I materiali impiegati devono essere «a misura d’uomo», e rispettare alcune esigenze fondamentali. Il letto deve trasmettere una sensazione di tranquillità e di calore perché durante il sonno il subconscio recepisce gli influssi provenienti dall’ambiente circostante. I diversi materiali producono delle emissioni di cui non siamo consapevoli quando siamo svegli, ma che possono disturbare il nostro sonno. È stato dimostrato che il legno naturale, la lana di pecora, il cotone, il Tencel® ed altri materiali naturali hanno un’influenza positiva sul sonno. Producono invece un effetto contrario la maggior parte dei metalli e dei materiali sintetici, che si tratti di stoffe, lamine o colori.