La Reale EcoSostenibilità

 

 

TEORIA DI UNA PRODUZIONE ECOSOSTENIBILE

Perché naturale? Ci sono tante risposte: la salute, il rispetto verso la natura, la qualità della vita, la sfiducia verso tecnologie piene d’errori e di approssimazioni. 
Lavorare con le materie vegetali per produrre vernici naturali, colori, detergenti, impregnanti, è una scelta d’integrazione con un modo più corretto di vedere la realtà. È straordinario constatare come agisca la vita sulla terra; la materia che ci circonda, nella sua complessità, prende forma da pochi composti basilari come l’ossigeno, l’acqua, l’anidride carbonica ed alcuni minerali. A partire da questi pochi composti, insieme con l’energia solare, attraverso il processo della fotosintesi che avviene, in ogni momento nelle foglie delle piante di tutto il pianeta, viene generata e costruita la materia vivente. Il mondo vegetale è un immenso, continuo laboratorio chimico. Un numero incalcolabile di specie molecolari viene creato. Potremo affermare che il nostro corpo, le nostre mani, sono nati sulla superficie delle foglie. Le molecole, gli atomi che compongono il nostro corpo sono le stesse da milioni di anni. Hanno costituito altri corpi, altri alberi. Le cellule della pelle del nostro viso vengono continuamente sostituite: anche se pensiamo di vedere allo specchio la stessa persona tutte le mattine, in vero vediamo l’idea della stessa persona, la materia che ci dona un senso così tangibile in realtà cambia e ruota continuamente. La materia delle cellule che muoiono, viene diligentemente demolita fino a ricostituire le molecole elementari da cui era stata costruita, di nuovo anidride carbonica, acqua etc. 
Un ciclo in cui l’energia del sole permette questa danza, in cui la materia compie i suoi cicli chiusi permettendo alla realtà di continuare il suo esistere. 
Quello che esiste è pura intelligenza, completamente autosufficiente. L’intelligenza della natura. Una capacità di funzionare perfettamente. Questa è la natura della realtà, una intelligenza così viva e piena della propria autoreferenza. In questo c’è il senso della realizzazione. In quanto in ogni cosa e nel suo modo di funzionare esiste già la compensazione dell’errore, quindi una continua soluzione. Funzionare al livello della soluzione. 

I cicli chiusi dell’acqua, dell’anidride carbonica, dell’azoto, i principi di termodinamica, il comportamento non lineare dei sistemi, ci mostrano come in ogni situazione ogni comportamento della realtà porta automaticamente la sua soluzione. È per questo che l’utilizzo di materiali naturali è la via più importante che possiamo percorrere. Utilizzare questo tipo di materia consente di produrre, senza portare alterazioni, nei cicli biofisici del nostro pianeta, ed inoltre consente di utilizzare l’intelligenza insita nel funzionamento naturale, cioè nel funzionamento della realtà. Usare questa tecnologia, significa avere uno strumento, capace di portare con se il livello della soluzione e della realizzazione. Usando la tecnologia basata su materie prime vegetali è possibile produrre prodotti per il trattamento e il restauro del legno, vernici naturali per le pareti e i metalli, smalti, saponi…

Oggi sappiamo bene che realizzare un edificio o una ristrutturazione con appropriate tecnologie di bioedilizia, comporta vantaggi da molti punti di vista: la salute, il benessere, il costo, il risparmio energetico, l’estetica, ed i costi di manutenzione ridotti. Inoltre in una futura demolizione i materiali saranno riutilizzabili o perfettamente biodegradabili, e ritorneranno a completare il ciclo naturale. Ma ci sono anche vantaggi indiretti. L’utilizzo di prodotti naturali, favorisce le coltivazioni agricole e quindi lo sviluppo di produzioni da fonti rinnovabili. La professionalità al livello di progettazione, e di esecuzione sono elementi importanti. 

Tutti questi benefici sono insiti nella scelta di usare materiali naturali, e sistemi di risparmio intelligenti. La catena favorevole non finisce qui, realizzare habitat domestici e di lavoro piu sani e piacevoli, meno stressanti, favorisce molti aspetti della attività umana, oltre che la qualità della vita, riduce costi e sprechi nella collettività. Questo può sembrare un esercizio di fantasia, solo per chi È abituato a considerare le limitazioni e le posizioni erronee, del nostro sistema, come inevitabili dati di fatto. In verità una vera tecnologia avanzata non può che partire da una base di funzionamento. La natura è un punto imprescindibile, la scienza ci insegna che essa è espressione stessa di funzionamento, di compimento, di soluzione. 
È la scienza che ci insegna questo. Gli errori che l’uomo sta compiendo come l’utilizzo forsennato della petrolchimica, il depauperamento delle vere risorse naturali, sono il risultato di scelte che dimenticano volutamente l’informazione scientifica nella sua essenza.